100 anni di arte immonda

4,00

4 disponibili

Quantity:

Descrizione

Autore: Angelo Crespi; Editore originale: Società Europea di Edizioni S.p.A.; Collana: Fuori dal coro; Supporto/edizione:

Libro brossura fresata. Interni carta uso mano avorio 80 gsm Pamo stampata 1/1. Copertina carta patinata plastificata opaca 250 gsm stampa 4+0; Pagine: 48; Formato: 124×184

Peso copia singola: 60 g

Con il Giornale, oltre il quotidiano. Continua l’appuntamento settimanale con “Fuori dal coro”, una collana che raccoglie libri agili ed essenziali che aiutano il lettore a orientarsi, in tempo reale, sui grandi temi del mondo contemporaneo.

Sinossi: Il buco con la mente intorno: così può essere definita l’arte contemporanea, quella

concettuale, quella hard, quella che guardiamo senza capire, e dentro ci diciamo «potevo farla

anche io», quella che necessita di tante astruse parole per essere spiegata, e non bastano più gli

occhi per ammirarla. Eppure questa arte dell’insensatezza, della provocazione, spesso

dell’orrore, ha una sua storia e cause che andrebbero conosciute sia da quelli che imperterriti la adorano, sia da quelli che vorrebbero proteggersi dal brutto ad essa connaturato. Una storia che inizia giusto un secolo fa, nel 1917, con l’orinatoio di Duchamp e prosegue tra merde d’artista (Manzoni), deiezioni ed escrementi vari e water d’oro (Cattelan): un’arte schifosa e festante che

lascia perplessi e di cui festeggiamo l’anniversario.

Angelo Crespi scrive per le pagine di cultura de il Giornale. Ha collaborato col Corriere

della Sera e con Il Foglio. Insegna Elementi di economia e diritto dell’arte all’Accademia Galli

di Como. Ha pubblicato “Ars attack. Il bluff del contemporaneo” (Johan&Levi, 2013) e scritto

tre commedie: “Nerone. Duemila anni di calunnie”, “La grande guerra di Mario”, “D’Annunzio segreto”. Attualmente è consigliere della Triennale Servizi di Milano.

Codice ISSN: 977-811313545 2 70052 (compieghe dossier)

 

Informazioni aggiuntive

Peso 60 g
Dimensioni 12.4 x 18.4 cm